logo

PREMI DI RISULTATO E WELFARE AZIENDALE - CIRCOLARE AGENZIA DELLE ENTRATE

l'Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 5 del 29 marzo 2018 (a disposizione presso gli uffici di Confindustria Centro Adriatico), redatta d’intesa con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha illustrato il contenuto ed ha fornito alcuni chiarimenti su alcune disposizioni introdotte dalle ultime leggi finanziarie (Legge di stabilità 2016, Legge di bilancio 2017 e Legge di bilancio 2018) in materia di detassazione dei premi di risultato e di welfare aziendale.

L’Agenzia delle Entrate si concentra su alcuni aspetti della normativa emersi nel periodo di applicazione, tra cui l’ambito di applicazione dell’imposta sostitutiva, la conversione dei premi di risultato, la sostituzione degli stessi con la concessione di forme di welfare, gli abbonamenti TPL per i dipendenti, benefit sostitutivi di premi di risultato erogati mediante voucher.


Parimenti utili, sono le precisazioni concernenti le modalità di recupero dell'imposta sostitutiva su acconti o anticipazioni di premi di risultato, già assoggettati a tassazione ordinaria; sul punto, infatti, l'Agenzia delle Entrate, ha chiarito che nei casi in cui la verifica dei presupposti per l'applicazione dell'imposta sostitutiva avvenga solo successivamente alle operazioni di conguaglio, il sostituto di imposta potrà trasmettere una nuova Certificazione Unica, senza applicazione di sanzioni.



Share